Il primo passo da compiere per difendere sè stessi e i propri cari dai rischi connessi ai campi elettromagnetici artificiali è acquisire conoscenza sull'ambiente che ci circonda, nei siti in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo (casa, lavoro, scuola per i bambini, attività ricreative, auto). La stima dell'esposizione ha tre importanti obiettivi. Il percorso per raggiungerli tutti e tre é spesso di tipo iterativo.

Leggi tutto...

Idealmente, si dovrebbe trovare un'alternativa all'utilizzo del telefono cellulare e inoltre evitare di portarselo dietro quando non serve. Tuttavia, se si ritiene che non si possa farne a meno di averlo con sé (ad esempio per motivi di lavoro), le linee guida espresse di seguito dovrebbero aiutare a ridurre l'esposizione alle radiazioni emesse.

Leggi tutto...

La copertura pressocché totale del territorio rende quasi impossibile trovare un sito non raggiunto dai segnali di telefonia mobile. Tali emissioni di campi elettromagnetici sono continue, anche nelle ore notturne. Ma nonostante la copertura estesa, nella maggior parte di case i livelli di esposizione che si riscontrano sono ancora al di sotto di quello per cui gli studi scientifici trovano effetti biologici avversi. Per scoprire il livello di esposizione a cui si é sottoposti, é necessario procedere a delle misure.

Leggi tutto...

Le linee elettriche si presentano in svariate disposizioni, dimensioni e forme e finalità d'implementazione. Si va dalle linee aeree a 400 kV per la distribuzione di energia elettrica su grandi distanze, fino alle linee elettriche domestiche a 220 V che corrono nei muri della nostra casa. In mezzo a questi due estremi, tutta una serie di tipologie di linee, sia per la distribuzione che per l'utilizzo dell'energia elettrica.

Leggi tutto...