Idealmente, si dovrebbe trovare un'alternativa all'utilizzo del telefono cellulare e inoltre evitare di portarselo dietro quando non serve. Tuttavia, se si ritiene che non si possa farne a meno di averlo con sé (ad esempio per motivi di lavoro), le linee guida espresse di seguito dovrebbero aiutare a ridurre l'esposizione alle radiazioni emesse.

 

Ridurre l'esposizione - usando il telefono cellulare esistente

  • Usare il telefono cellulare solo quando necessario ed effettuare chiamate brevi.
  • Usare un kit vivavoce o un auricolare a filo (può ridurre del 90% la dose irradiata nella testa, ma aumentare quella di altri organi del corpo), meglio un auricolare a tubo cavo.
  • Mandare messaggi invece di chiamare. Tenere il telefono lontano quando si preme il tasto per inviare il messaggio.
  • Ove possibile, provare a usare il telefono solo dove il segnale dell'operatore è alto, dato che questo può ridurre le emissioni del telefono considerevolmente (fino a 1000 volte).
  • All'interno di una costruzione, avvicinare il telefono alla finestra e posizionarlo tra la finestra e il proprio corpo.
  • Mantenere il telefono lontano dal corpo subito dopo aver composto il numero, in quanto in questa fase della chiamata il telefono emette a massima potenza.
  • Ove possibile, mantenere il telefono quanto più lontano é possibile dai vostri occhi, seno, testicoli, reni, fegato e addome, se in gravidanza. Quando non é in uso, tenere il telefono lontano dal corpo (ad esempio in una borsa).
  • Usare il telefono all'interno di un auto o di un treno é da evitare, a meno che ci si trovi in un'emergenza, in quanto il telaio metallico del veicolo intrappola le radiazioni emesse amplificando l'irradiazione.
  • Usare un telefono cellulare con basso valore di SAR dichiarato non é la soluzione. Il SAR a corpo intero per un modello con basso valore di SAR dichiarato può essere più alto di uno con valore SAR dichiarato più alto. Studi multipli hanno mostrato che una singola telefonata di durata pari a due ore è in grado di causare l'apertura patologica della barriera emato-encefalica, con effetti immediati e che sono ancora visti dopo 14 giorni dall'esposizione e dopo 50 giorni dall'esposizione con con valori di SAR di appena 0.012 W/Kg. Questi studi mostrano morte neuronale (le cellule cerebrali) con valori di SAR di appena 0.012 W/Kg.
  • Usare telefoni a filo per chiamate ordinarie, per chiamate lunghe e in generale come mezzo principale di comunicazione.

Comprare un nuovo telefono o accessori di protezione

  • Comprare modelli con una lunga durata della batteria in conversazione, questo generalmente denota una più efficiente gestione dell'energia.
  • Un valore basso dichiarato del SAR di picco non garantisce un minore assorbimento rispetto a un telefono con SAR dichiarato di picco più alto. Un telefono con basso SAR dichiarato potrebbe essere poco efficiente e lavorare alla massima potenza, mentre un telefono con alto SAR dichiarato potrebbe essere più efficiente e lavorare con potenza inferiore. 
  • Preferire auricolari a filo o kit viva voce ad auricolari bluetooth. Questi ultimi, seppure a dosi molto inferiori rispetto al cellulare, emettono radiazioni a radiofrequenza.
  • Non affidarsi a gadget che promettono di ridurre le emissioni del telefono senza nessun criterio scientifico che si possa applicare al suo metodo - come ad esempio a bottoni che si incollano al terminale cellulare e ne assorbono le radiazioni.